26 Ottobre 2020
news

JUNIORES: REAL FORIO-SAN GIORGIO 1926 1-5

13-02-2019 09:05 - Juniores
REAL FORIO: Di Maio (25’st Arcamone), Nicolella, F. Verde, Onorato, Aloi, Cantelli, D’Ambrosio (32’st S. Verde), Trofa (23’st Impagliazzo), Di Lustro (7’ st Barbieri), Barbato, Scotto (7’st De Luciano). Allenatore Pietro Buonomano

SAN GIORGIO: Fico (8’st Cinquegrano), Tezzi, Pappalardo, Sorrentino, C. Formisano, Contini (23’st Marmolino), Cortese, Noviel (19’st Borrelli), M. Greco (28’st Veneruso), Ferrara, Falcone (23’st Rocco). Allenatore Francesco Ignudi

ARBITRO: D’Amato di Salerno

RETI: 3’st Cortese, 5’st, 17’st Falcone, 16’st M. Greco, 33’st Borrelli, 46’st De Luciano

NOTE: ammonito Onorato (RF); angoli 4-5 per il San Giorgio; recupero 2’pt, 2’st. Giornata quasi apocalittica con raffiche di vento che si alternavano a pioggia incessante a improvvise grandinate che imbiancavano di colpo il manto verde del Calise di Forio da costringere l’arbitro, D’Amato di Salerno, a sospendere la partita per alcuni minuti nel corso del primo tempo.

Forio d’Ischia, 11 febbraio –

Quando la passione per il calcio diventa sacrificio e sfiora il peggio ! E’ quello che è capitato alla juniores del San Giorgio 1926 nella trasferta a Forio d’Ischia, sulla seconda isola del golfo di Napoli, per il ritorno della 18^ giornata (7^ di ritorno) del campionato juniores di Attività Mista. I 21 “eroi” del team sangiorgese (17 giocatori, allenatore e tre dirigenti) si imbarcano alle ere 10,50 al Molo Beverello sull’Aliscafo della Compagnia Lauro con destinazione Isola Verde. Con un mare forza 8, se non ancora peggiore, appena usciti dal porto, la traversata appare da subito apocalittica per le proibitive condizioni del mare. Le buste di plastica distribuite dai solerti uomini dell’equipaggio diventano da subito protagoniste. Quasi tutti i passeggeri, ad esclusione dei pochi fortunati che non soffro il mare, con le teste nei sacchetti a vomitare. In fondo alla sala le grida di alcune donne rendono l’ambiente ancora più drammatico per i molti che maledicono la salita sull’Aliscafo. Persone adulte sdraiate per terra con la testa nel cestino dei rifiuti ad aspettare i conati di vomito che incalzavano improvvisamente impietosi. La rotta del mezzo nautico non è la solita attraverso il canale di Procida (che sarebbe stata ancora più disastrosa) ma all’esterno dell’Isola di Arturo, per alleviare la sofferenza dei passeggeri. Ma l’inclemenza delle condizioni del mare non fa sconti. Finalmente, dopo circa un oretta di sofferenza, si sbarca a Ischia e si cercano le forze stremate per l’avventurosa traversata. E’ quasi mezzogiorno, si mangia un panino e ci si trasferisce al Molo Olimpico (dove arrivano i traghetti) per salire sul pullman della Aenaria Viaggi per raggiungere il “Calise” di Forio d’Ischia (10 chilometri). Dopo una ventina di minuti si scende nella stazione di servizio (fortunatamente al coperto) di fronte all’ingresso spogliatoi del campo sportivo foriano sotto un diluvio che cade dal cielo. Un dirigente coraggioso, con l’ombrello impazzito tra raffiche di vento, si immola a piedi per assicurarsi che il campo è aperto mentre i ragazzi aspettavano al coperto l’OK per arrivare alla meta tanto agognata. Avuto lo squillo positivo, il gruppo dei 20, con i borsoni a tracolla e il grosso borsone con l’occorrente per la partita, fanno ingresso nel “Calise” deserto con il coraggioso arbitro, signor D’Amato di Salerno, ad aspettare sotto una pioggia torrenziale. Lo spogliatoio degli ospiti è, per fortuna, aperto e i ragazzi incominciano ad assaporare il primo calore della giornata. Dopo poco arriva il personale della buvette e anche l’arbitro trova riparo dalla pioggia. Dopo il rituale riscaldamento pre partita delle due squadre, alle 14,45, l’arbitro effettua il riconoscimento dei giocatori inseriti nelle due distinte e finalmente alle 15 arriva il fischio di inizio della partita.
INIZIA LA PARTITA Inizia il match con i ragazzi di Ignudi ancora intontiti dalla disastrosa traversata. I granatini impongono la loro superiorità tecnica senza però centrare lo specchio della porta per tutti i primi 45 minuti di gioco. Pali e traverse si sostituiscono al portiere avversario. Al 5’ gran tiro di Falcone che si schiaccia sotto la traversa e torna in campo con la difesa che allontana. Al 15’ Ferrara dalla sinistra per Cortese, sul secondo palo, svirgolata di testa da due passi e palla sul fondo. Al 20’ ancora Cortese dal fondo campo crossa per Mattia Greco davanti alla porta che fallisce la deviazione di testa. Passa un minuto e Falcone, sempre di testa, colpisce per la seconda volta la trasversale. I foriani contengono le sfuriate ospiti con sporadiche ripartenze cercando di impensierire l’infreddolito Fico tra i pali. Al 35’ Tezzi in percussione per Falcone che apre a Noviel; la fiondata del capitano sfiora appena la traversa. Si va al riposo per assaporare il tepore (si fa per dire) dello spogliatoio e al ritorno in campo si riprende a recitare lo stesso spartito. Il San Giorgio alla ricerca del gol tanto cercato ma soltanto sfiorato e la squadra di mister Buonomano a tentare lo sgambetto alla capolista già Campione Regionale dello scorso anno. Al 3’ punizione dai 20 metri sulla sinistra per gli ospiti; sul pallone l’onnipresente Cortese; palla a giro a lato della barriera e vano il volo di Di Maio che raccoglie la sfera dalla rete. Due minuti e arriva lo 0-2 per i colori granata. Su azione susseguente a calcio dalla bandierina, Falcone di testa in mischia raddoppia il vantaggio. Al 6’ un’impennata dei foriani impegna, Antonio Spiderman, il solista del coro, al volo in angolo prima di lasciare il posto a Cinquegrano, il più provato dall’odissea in navigazione. Tra sole, pioggia e grandine la partita continua con la squadra di Ignudi a fare la gara con il pallone tra i piedi. Al 16’ Cortese mette davanti alla porta dalla sinistra; Di Maio fa flop nel bloccarla e Mattia Greco mette alle sue spalle. Passa un minuto ed esce la quaterna sulla ruota di Forio. Rimessa laterale di Trezzi per Cortese, cross al centro per Falcone che anticipa due difensori e cala la doppietta personale. Alla mezz’ora Veneruso si guadagna in calcio di rigore per atterramento in area. Ignudi, dalla panchina, lo battezza giustiziere ma il numero 17, dando significato al numero sulle spalle, mette abbondantemente oltre la traversa. Al 33’, dai piedi del mancato rigorista, ha inizio l’avvio del pokerissimo. Veneruso per Cortese sulla destra, apertura per l’accorrente Borrelli e palla in fondo al sacco. Al 36’ Tezzi, dai 20 metri, cerca la soddisfazione personale ma la gran botta non sorprende il bravo Arcamone entrato al 25’ in sostituzione di Di Maio. Si arriva al 45’ con il rotondo risultato per gli ospiti e nel primo dei due minuti di recupero accordati dal bravo e eroico, per la sofferta traversata, D’Amato della sezione di Salerno, arriva il gol della bandiera con De Luciano che mette in rete da due passi.
All’Ufficio Stampa e Comunicazione ASD San Giorgio 1926 – Giacomo Di Sarno


Fonte: Giacomo Di Sarno
FOTO
[]
FOTO | SAN GIORGIO 1926 - FRATTESE 0-2
invia ad un amico [facebook] [Twitter]
[]
FOTO | SAN GIORGIO 1926 - POMIGLIANO 1-2 (COPPA ITALIA)
invia ad un amico [facebook] [Twitter]
[]
FOTO | SAN GIORGIO 1926 - SANGIOVANNESE
invia ad un amico [facebook] [Twitter]
[]
FOTO | SAN GIORGIO 1926 - SIBILLA FLEGREA 3-1
invia ad un amico [facebook] [Twitter]
[]
FOTO | SAN GIORGIO 1926-POMIGLIANO 0-2
invia ad un amico [facebook] [Twitter]
VIDEO
Classifica
classifica alla 3° giornata
SQUADRA PT
logo AlbanovaAlbanova9
logo FratteseFrattese6
logo IschiaIschia6
logo PianuraPianura4
logo MaddaloneseMaddalonese4
logo Real ForioReal Forio4
logo Racing CapriRacing Capri3
logo MondragoneMondragone3
logo MarcianiseMarcianise1
logo Napoli UnitedNapoli United1
logo San Giorgio 1926San Giorgio 19261
logo GragnanoGragnano0
logo Nuova Napoli NordNuova Napoli Nord0
logo BaranoBarano0
utenti online
0

sei il visitatore numero
61188

totale visite
652098


Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio